Contenuto principale

REVERSE CONVENTION

revese convection

Nuovo canale di comunicazione tra il il Cittadino ,” la Scienza” le Istituzioni creando una sorta di PIRAMIDE AL CONTRARIO che vede al suo apice i famigliari con i loro cari, al Centro il Terzo Settore e le Associazioni di Volontariato e alla base la “Scienza” e le Istituzioni.

“L’Associazione Nonno Mino Onlus” in occasione della XXIII Giornata Mondiale Alzheimer in collaborazione con il SILP (CGIL)

INVITA

La cittadinanza, le Istituzioni, gli Enti, il Terzo Settore e tutte le Realtà Sociali al “ REVERSE CONVENTION” (CONVEGNO ALLA ROVESCIA) Che si terrà a Pesaro sabato 17 settembre 2016 ore 09,30 c/o la Sala Grande della 2 Circoscrizione Comunale delle 5 Torri Via Largo Volontari Del Sangue n.9 ( entrata Biblioteca Comunale).

Per la prima volta i FAMIGLIARI di persone affette dalla malattia di Alzheimer svolgeranno il ruolo di RELATORI e non quello di “auditori di platea” di fronte ai vari specialisti di settore.

Questa volta i RELATORI e gli esperti saranno i FAMIGLIARI indifferentemente ad attestati o titoli di studio, ma grazie ad un honoris-causa, conferito in virtu' delle loro esperienze e all'amore per i loro cari.

 

L’Associazione vuole promuovere la nascita di un nuovo canale di comunicazione tra il il Cittadino ,” la Scienza” le Istituzioni creando una sorta di PIRAMIDE AL CONTRARIO che vede al suo apice i famigliari con i loro cari, al Centro il Terzo Settore e le Associazioni di Volontariato e alla base la “Scienza” e le Istituzioni.

Nell’ambito della presa in carico di una persona affetta dalla malattia di Alzheimer, viene espressa la frase di “tendenza comune” il famigliare è al centro della cura “.....e si rilega questa figura in un ruolo totalmente passivo dove le decisioni istituzionali vengone prese senza sentire i reali bisogni espresse dalle famiglie.

Il Terzo settore e le Associazioni di Volontariato potrebbero fungere da “decodificatori” se si lavorasse in sinergia connettendosi in rete sì...... ma con le connessioni ...“accese”!

Infatti nei convegni si sottolinea che il famigliare è al centro della cura e poi gli si dedica i pochi minuti a fine convegno.

                    

L’Associazione Nonno Mino per la  XXIII Giornata Mondiale Alzheimer vuole mettere in campo l’esperienza dellanascita di una nuova MODALITA’ DI COMUNICAZIONE

Ci auguriamo in questo nuovo contesto che le Istituzioni, Enti, specialisti, medici, operatori siano disponibili a partecipare nel nuovo ruolo di “ASCOLTATORI” con ampia possibilità di poter intervenire qual’ora il dibattito interessi loro o li coinvolga. I relatori( famigliari) che volessero esternare i loro bisogni, pensieri e soprattutto suggerimenti di interesse comune sono pregati di contattarci.

 

 

 

Condividi