Contenuto principale

News e Progetti

“L’Associazione Nonno Mino Onlus” in occasione della XXIII Giornata Mondiale Alzheimer in collaborazione con il SILP (CGIL)

INVITA

La cittadinanza, le Istituzioni, gli Enti, il Terzo Settore e tutte le Realtà Sociali al “ REVERSE CONVENTION” (CONVEGNO ALLA ROVESCIA) Che si terrà a Pesaro sabato 17 settembre 2016 ore 09,30 c/o la Sala Grande della 2 Circoscrizione Comunale delle 5 Torri Via Largo Volontari Del Sangue n.9 ( entrata Biblioteca Comunale).

Per la prima volta i FAMIGLIARI di persone affette dalla malattia di Alzheimer svolgeranno il ruolo di RELATORI e non quello di “auditori di platea” di fronte ai vari specialisti di settore.

Questa volta i RELATORI e gli esperti saranno i FAMIGLIARI indifferentemente ad attestati o titoli di studio, ma grazie ad un honoris-causa, conferito in virtu' delle loro esperienze e all'amore per i loro cari.

L’Associazione vuole promuovere la nascita di un nuovo canale di comunicazione tra il il Cittadino ,” la Scienza” le Istituzioni creando una sorta di PIRAMIDE AL CONTRARIO che vede al suo apice i famigliari con i loro cari, al Centro il Terzo Settore e le Associazioni di Volontariato e alla base la “Scienza” e le Istituzioni.

Nell’ambito della presa in carico di una persona affetta dalla malattia di Alzheimer, viene espressa la frase di “tendenza comune” il famigliare è al centro della cura “.....e si rilega questa figura in un ruolo totalmente passivo dove le decisioni istituzionali vengone prese senza sentire i reali bisogni espresse dalle famiglie.

Il Terzo settore e le Associazioni di Volontariato potrebbero fungere da “decodificatori” se si lavorasse in sinergia connettendosi in rete sì...... ma con le connessioni ...“accese”!

Infatti nei convegni si sottolinea che il famigliare è al centro della cura e poi gli si dedica i pochi minuti a fine convegno.

 

 

L’Associazione Nonno Mino per la XXIII Giornata Mondiale Alzheimer vuole mettere in campo l’esperienza della nascita di una nuova MODALITA’ DI COMUNICAZIONE

Ci auguriamo in questo nuovo contesto che le Istituzioni, Enti, specialisti, medici, operatori siano disponibili a partecipare nel nuovo ruolo di “ASCOLTATORI” con ampia possibilità di poter intervenire qual’ora il dibattito interessi loro o li coinvolga. I relatori( famigliari) che volessero esternare i loro bisogni, pensieri e soprattutto suggerimenti di interesse comune sono pregati di contattarci.

 

 

 

I Giovedì del Benessere

 

Visto il grande riscontro che ha avuto Il progetto "Viaggiare insieme....un percorso ancora possibile", che ha visto nascere a Bottega di Vallefoglia un Centro di aggregazione sociale per le persone affette dalla malattia di Alzheimer di grado lieve-moderato( con finalità riabilitative), integrato con adulti/anziani che non presentano nessuna patologia (con finalità preventive), della durata di un anno, continuerà il suo percorso sempre nel Comune di Vallefoglia a Montecchio, nella sede delle ex scuole comunali in Via Leonardo Da Vinci. E' prevista l'apertura del Servizio a settembre.

31 OTTOBRE

L'Associazione NonnoMino e SILP (CGL) presentano il "Progetto Diogene" a Pesaro c/o la Sala Provinciale in collaborazione con l'Arma dei Carabinieri ed il Corpo di Polizia di stato di Pesaro Urbino. Tale progetto è stato promosso dal Ministero dell'Interno, Ministero della Salute e Ministero delle Politiche Sociali con protocollo di intesa il 31 settembre 2015 a Roma.

Descrizione: si tratta di un dispositivo specializzato,"il filo di Arianna", che localizza la posizione mediante GPS il quale viene fornito alla persona affetta da Alzheimer.
Questo dispositivo, attraverso una SIM telefonica, invia tutte le informazioni necessarie al Centro di Monitoraggio. Qualora la persona affetta da Alzheimer si perdesse ed ilcaregivernon fosse in grado di rintracciarla, il Centro di Monitoraggio fornisce, su richiesta del caregiver, in maniera dinamica, la localizzazione del malato
.

L' associazione Nonno Mino donerà in modalità di comodato uso gratuito i dispositivi a 30 famiglie all'interno della ns. associazione.

Comunicato stampa


Sabato 31, alle ore 10 presso la sala W.Pierangeli del consoglio provinciale di Pesaro, Via Gramsci 4, questa segreteria provinciale SILP CGIL, in collaborazione con la NONNOMINO ONLUS, associazione di
volontariato costituita da famigliari di pazienti affetti da Alzheimer, presenteranno al pubblico il "Progetto Diogene" (www.progettodiogene.com [1]).

Il progetto, unico in Italia, prevede un sostegno concreto alle famiglie che hanno problemi con pazienti affetti da Alzheimer e che spesso, essendo dotati ancora di una buona mobilità, uscendo si perdono.

Infatti, tramite lo sfruttamento delle nuove tecnologie, le famiglie che aderiranno al Progetto Diogene, l'associazione NONNOMINO onlus, darà in comodato d'uso, un geolocalizzatore GPS, che tramite centrale allarmi della società SDP (Sistemi di Protezione) monitorerà h24,365 giorni all'anno qualsiasi spostamento del paziente, consentendo alle famiglie, in caso di scomparsa del parente, l'immediata localizzazione della persona.

La società SDP, il cui Ceo ing. DE PETRIS Luciano, è esclusivista detentrice del brevetto di geolocalizzazione "filo di arianna", ha messo a disposizione la propria conoscenza al servizio del sociale,
intessendo rapporti con il Commissario delle persone scomparse, che ha portato il 21 settembre scorso, giornata mondiale dell'alzheimer, alla firma di un protocollo d'intesa che coinvolge Ministero dell'Interno e i Ministeri della salute e delle Politiche Sociali dedicato proprio ai problemi delle persone che colpite dalla malattia si perdono.

Il progetto che prevede, grazie ad un disciplinare operativo, anche il coinvolgimento delle Forze di Polizia, ha trovato un sostegno determinante nella persona del Sig. Prefetto Dott. Pizzi.

Il progetto che vedrà sicuramente un'ampia diffusione nel territorio marchigiano, avrà in Pesaro la città pilota per la sperimentazione, si è reso possibile grazie al l'interessamento e alla sensibilità di soggetti privati che hanno posto in essere le condizioni che questi geolocalizzatori venissero acquistati e donati alla NONNOMINO ONLUS: gioiellerie BARTORELLI, MANIFATTURE ANTONELLA e la famiglia SCAVOLINI.

Nelle Marche, regione più longeva d'Italia, l'incidenza dei pazienti affetti da Alzheimer per la popolazione fino a 65 anni è circa il 2,2%, mentre tocca un picco del 6,8% nella popolazione ultra ottantenne, quindi un problema sempre più vivo e presente nelle famiglie. A portare un aiuto concreto alle famiglie, il SILP CGIL ha dedicato le proprie energie perchè si realizzasse il progetto Diogene, perché la sicurezza passa anche per la solidarietà e il sostegno concreto verso le persone deboli, in difficoltà e il sostegno alle loro famiglie.

Il segretario Provinciale
Silp cgil
Pierpaolo Frega

 

[1] http://www.progettodiogene.com

 

Di seguito i link inerenti le interviste che sono state trasmesse da Rai2 all'interno dei programmi TG2 Insieme, e Medicina 33, improntate sul Progetto Diogene.

 

Tg2 Insieme del 19 ottobre 2015

Medicina33 del 26 ottobre 2015

 

 

View the embedded image gallery online at:
http://alzheimerpesaro.it/news-e-progetti.html#sigFreeIde637ea1487

Come si sente  un malato di Alzheimer?

"Ci sono giorni buoni e giorni brutti. Nei giorni buoni mi sento  come una persona normale, nei giorni brutti è come se non ritrovassi me stessa. Mi sono definita in base alla mia intelligenza, alla proprietà di linguaggio, alla capacità di argomentare.... Spesso vedo le parole che galleggiano davanti a me e non riesco a raggiungerle, così non so chi sono...."

Tratto dal film : Still Alice.