Contenuto principale

Alzheimer


 
Attimi in cui mi perdo
per ritrovarmi dopo
in barlumi di tragica coscienza.
Procede lento questo giro di vite
ma sento il vuoto espandersi
tra i piani della mente.
Vivo a tratti.
 
Già spoglie delle vesti, le parole
vengono in povertà,

per questo taccio, e mi nascondo
dietro ombre di pensieri,
e non voglio guardare, né capire.
Vivo silenzi.
 
E cerco nelle tasche voci
che si fanno lontane, mentre solo
cammino intorno a mutamenti
o volti ignoti.
 
Un brivido mi scuote, a ogni ritorno…
Mio Dio, ci sarà ancora la mia casa
in fondo al viale?

Condividi