Contenuto principale

UN POMERIGGIO D'ESTATE, SUCCEDEVA di Nicola


Le tue mani cercavano di ricomporre
punti di vita lungo quell'abito,
troppo largo per poterlo indossare quella sera.
Una sera di piena estate, caldo e silenzio
lungo le vie della cittÄ abbandonata.
E tu, nella casa da sempre abitata, confusa nei tuoi pensieri,
ma presente lungo il crinale della memoria, ti adoperavi
per restringere quell'abito, che percepivi troppo
ampio sui fianchi.
Tastavi l'abito ripetutamente, cercando un punto di inizio
in cui infilare l'ago, ed un altro di approdo, dove la tua opera
sarebbe stata conclusa.
Eri cocciuta, caparbia, ti aggiravi lungo le pareti
della tua casa per cercare, chissÄ, un focolaio di vana ispirazione, e
ritornavi a quell'abito, lo osservavi, lo studiavi, lo indossavi.
Eri riuscita ad aprirlo sui fianchi, intenta, ora, a ricucirlo,
ma i bordi non si ricomponevano. Le mani, le tue nobili mani,
cercavano punti di sutura lungo la pelle di quell'abito,
troppo distanti, dai tuoi brandelli di ricordi, per poterli ricongiungere.
CosÅ venne consumato il pomeriggio, rincorrendo la manualitÄ
che un tempo ti apparteneva, sorda alle mie preghiere
e nell'attesa di pezzi di famiglia che ti avrebbero festeggiata.


Agosto 2009

Condividi